Tariffario





By Stethoscopes. licensed as CC BY-SA 3.0

Visite ambulatoriali (Viale Giacomo Matteotti 25, Cesena)

Visita (60 minuti circa): 120 Euro (soggetta a imposta di bollo di €2)

Visita di follow-up (30 minuti circa, tesa a concludere una visita precedente valutando esito di esami o terapie prescritti): 75 euro (Esente da imposta di bollo)


Visite a domicilio (entro la provincia di Forlì-Cesena):

Visita (60 minuti circa): 150 euro (soggetta a imposta di bollo di €2)

Visita di follow-up (30 minuti circa, tesa a concludere una visita precedente valutando esito di esami o terapie prescritti): 90 euro (soggetta a imposta di bollo di €2)


Visite a domicilio fuori dalla provincia di Forlì-Cesena da concordare preventivamente in base alla distanza.


Nota: Le ricevute con importo superiore a 77.47 euro sono soggette ad imposta di bollo di 2 euro. Il paziente può portare la propria marca da bollo, o in alternativa usare una delle mie, a carico del paziente senza sovrapprezzo.


Si può pagare in contanti o con bancomat/carte di credito, ed in via eccezionale con bonifico istantaneo o assegno bancario/assegno circolare. Eventuali spese di invio bonifico, o di emissione di assegno circolare, sono a carico del paziente.


È utile ricordare che la detrazione fiscale delle spese mediche può essere detratta dall'imponibile IRPEF solo se pagata con metodo tracciabile (Carta di credito/bancomat, bonifico, assegno). Le prestazioni pagate in contanti sono possibili, ma ciò comporta la dicitura sulla ricevuta "pagato in contanti" e questo fa sì che la spesa non sarà dunque detraibile.

All’art. 54 del Codice Deontologico si legge: "Nell’ambito dell’attività libero-professionale, i medici chirurghi e gli odontoiatri sono tenuti a:

– far conoscere preventivamente agli assistiti il loro onorario, nell’ambito del rapporto fiduciario fra medico e paziente, teso a privilegiare l’intesa diretta, non solo al trattamento terapeutico proposto, ma anche ai costi che tale trattamento comporta;

– commisurare l’onorario alla difficoltà, complessità e qualità della prestazione, tenendo conto delle competenze professionali del medico e dei mezzi impiegati;

– evitare intese fra professionisti tese ad imporre tariffe uguali e concordate per i servizi professionali;

– erogare eventuali prestazioni a titolo gratuito solo in casi particolari e non indiscriminatamente come richiamo alla clientela."


Ulteriori informazioni sono reperibili sulle pagine dell'Ordine dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Forlì e Cesena



Potrebbe interessarvi la mia recente presentazione sulla televenereologia per il 2021 Annual Meeting of the Italian Telemedicine Society che si trova qui sotto (nota: il video ha un limite di età per via delle foto di genitali in ambito medico)